Aprire E Gestire Un B&B: Occhio Ai Costi Imprevisti!

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Aprire B&B Costi

Una delle domande più frequenti che mi fanno è “Ma quanto costa aprire un Bed and Breakfast?“. Di solito, rispondo con un’altra domanda, e cioè: “Sicuro che parliamo proprio di un B&B? Hai pensato ad altre alternative?“.

In effetti non esiste solo la formula del B&B. Potrebbe essere più conveniente per te aprire una Casa Vacanze oppure un Affittacamere. Le opzioni sono tante e le variabili da considerare sono ancora di più.

In tutto questo, devi anche prestare attenzione ai costi di apertura e di gestione della tua nuova attività turistica.

Proprio per questi motivi, nella sezione di Aprire un B&B, ho inserito molti contenuti utile che ti aiuteranno a dissipare un po’ di dubbi su questo mondo complesso dell’extralberghiero italiano.

In particolare, ti suggerisco di leggere una guida ai costi di avvio di una piccola struttura turistica: Quanto Costa Aprire Un B&B.

Ad integrazione della guida che ti ho segnalato qui sopra, voglio anche suggerirti una lettura interessante riguardo ai costi imprevisti o poco considerati:

I servizi di vendita: Accettare le carte di credito è ormai un obbligo (nel senso commerciale del termine, ndr) per tutti i bed and breakfast. Tuttavia, calcolare i costi effettivi può essere difficile, dal momento che esistono tanti tipi diversi di carte – commerciali, reward, internazionali. Ognuna ha commissioni diverse, ovviamente.

Il cibo sprecato: Quale bed and breakfast non spende per acquistare prodotti alimentari? Anche se esistono tante idee buone per riutilizzare il cibo non ancora servito ai tuoi ospiti, la vera sfida è ridurne la quantità avanzata nei piatti.

La biancheria rovinata: Se il tuo bed and breakfast avrà successo, ci saranno sempre ospiti nelle tue camere. Questo vuol dire che la tua biancheria sarà usata in modo costante. Sostituire le lenzuola con regolarità è una priorità per la tua attività. Non puoi permetterti cuscini danneggiati, lenzuola macchiate o copriletti pieni di buchi.

Insomma, non c’è solo il commercialista o il geometra da pagare all’inizio della tua attività. Occhio anche ai costi imprevisti e quelli legati alla naturale gestione di una struttura ricettiva.

Un risparmio notevole, lo puoi ottenere abbonandoti a SiamoAlCompleto, infatti puoi accedere a prezzi riservati ed esclusivi, limitando così l’impatto di questi costi sul tuo portafogli: Scopri di più.

 

Fonte: Aprire un B&B: come affrontare 5 costi imprevisti (e avere successo)

Lettura consigliata: 8/10

Photo credit: ThoughtWorks

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

2 commenti su “Aprire E Gestire Un B&B: Occhio Ai Costi Imprevisti!”

  1. Da quando è obbligatorio accettare carte di credito?
    Limprevisto più spiacevole è isciversi a booking che sono sempre dalla parte dei clienti,obbligati ad accettare la prenotazione e ad accettare la disdetta all’ultimo momento ,a questo bisogna fare attenzione,ai portali truffaldini cari e pericolosi,a me hanno porato più danni che beneficio.
    Ciao
    Ketty

    Rispondi
    • Ciao Ketty!

      La tua osservazione è giustissima… è stato un refuso, peraltro non mio ma dell’autore della notizia originale.

      Ottima segnalazione comunque ed ho già provveduto ad inserire una nota, specificando che accettare carte di credito non è in senso stretto, ma è da intendersi nel suo senso commerciale.

      Devo dire che non sei l’unica che si lamenta di Booking e delle sue pratiche, diciamo così, non proprio favorevoli per i gestori. Però intanto ha uno stra-potere infinito e non ci si può fare quasi niente, se non usarlo con moderazione ed intelligenza.

      Sto quasi pensando di fare un vero e proprio video-corso su come sfruttare Booking.com… chissà… quasi quasi 🙂

      A prestissimo Ketty! E grazie mille, davvero.

      Rispondi

Lascia un commento