Esprimersi Attraverso l’Arte: 3 Modi Per “Sfogarti”

Non sempre si riescono a trovare le parole giuste per comunicare quel che si prova. A volte non si è nemmeno ben consapevoli delle emozioni che ci turbinano dentro. Come riuscire ad esprimere simili tumulti, se noi stessi non comprendiamo bene quel che sperimentiamo?

In altre occasioni, invece, conosciamo alla perfezione quel che si vuol dire e i sentimenti che ci palpitano nel petto, le sensazioni che si dibattono per uscire sotto forma di parole che, purtroppo, non siamo in grado di trovare.

Non è raro avere difficoltà a dar voce ai propri pensieri o spiegare a un terzo quel che si prova in un determinato momento. È una cosa normalissima che tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo esperito sulla nostra pelle.

In questi momenti di difficoltà, accade di frequente che ci si chiuda in se stessi, nell’impossibilità di relazionarsi e di permettere a chi ci sta intorno di capire le nostre emozioni e le ragioni per le quali agiamo.

Tuttavia, escludere il prossimo e barricarsi dietro alla propria difficoltà di esprimersi non aiuta e finisce solo per isolarci e far allontanare chi ci vuole bene e desidera solamente riuscire a comprendere i nostri pensieri.

Se è difficile trovare le parole giuste per aprirsi e confidarsi con qualcuno, non tutto è perduto.

Infatti, non si deve per forza ricorrere ad un discorso faccia a faccia, nel quale si espongono i nostri sentimenti e le problematiche che ci affliggono nel dettaglio. Ci sono altre modalità di espressione che possono fare al caso nostro, mediante le quali si è in grado di manifestare la propria intimità senza temere un confronto diretto.

Dopo la scoperta, nell’ambito della neuroscienza, che il nostro cervello ragiona per immagini, l’arte in ogni sua accezione è divenuta uno strumento importantissimo, in grado di portarci oltre le nostre capacità e sciogliere il nodo che ci blocca, tutto questo grazie alla mediazione della creatività.

Vediamo insieme alcune tecniche tra le più efficaci e creative per esprimersi attraverso l’arte, e che possono aiutare ad esternare i sentimenti che si provano in una forma diversa.

  1. Cantare e suonare: la musica è uno strumento potentissimo, in grado di connetterci con i nostri desideri e le emozioni che proviamo, superando ogni possibile barriera. Ci dà la possibilità di sentirci in armonia con il mondo e con chi ci circonda e di esprimere dei sentimenti che altrimenti non saremmo in grado di esternare.

    Musicisti e cantautori hanno scritto riguardo ogni argomento e, sicuramente, ci sono dei testi o delle melodie che incarnano alla perfezione ciò che si prova. La musica si presta a rappresentare ogni tipo di emozione: dolcezza, rabbia, tristezza, allegria. In base al genere, la melodia conferisce diverse impressioni e sensazioni a chi ascolta.

    Per non parlare dei testi, eloquenti e carichi di significato, che ci prestano la voce per esporre i nostri sentimenti, ciò che ci rende felici e quel che, invece, ci spezza il cuore. Perché non utilizzare questi ultimi per illustrare il proprio pensiero e far comprendere agli altri (e a volte persino a noi stessi) quel che proviamo?

  2. Scrivere: quando la lingua si annoda e ci sembra possibile soltanto soffocare, senza riuscire a spiccicare parola, un buon aiuto può essere costituito dalla scrittura. Mettendo per iscritto le proprie emozioni si è in grado di comprenderle meglio, metabolizzarle e prenderci confidenza.

    Ricorrere a carta e penna a volte può essere utile per chiarirsi le idee o anche per comunicare a qualcuno quel che si prova, senza bisogno di fronteggiarlo faccia a faccia. Molti autori hanno cominciato così la loro carriera, utilizzando la scrittura come valvola di sfogo per farsi comprendere meglio.

    Una volta acquisite le informazioni su come scrivere e pubblicare un libro, nulla vieta di tentare di seguire i loro passi. Su quest’ultimo punto, si consiglia la lettura di questa guida esaustiva ed approfondita: https://www.scritturacreativa.org/pubblicare-un-libro/.

  3. Disegnare: che sia uno scarabocchio su un foglio, un paesaggio innevato o il volto di una persona cara, un disegno ha sempre molto da comunicare. Le intenzioni dell’autore spesso traspaiono su carta, mettendo a nudo la sua anima e dandoci la possibilità di capire quello che prova o che vuole veicolare tramite la sua arte.

    Dipingere e disegnare aiuta a calmarsi e a svuotare il cervello, concentrando tutte le proprie attenzioni sul risultato, che di frequente incarna i sentimenti sperimentati da chi lo porta a termine. Le emozioni dell’artista non sono riflesse solamente dai soggetti rappresentati, ma anche dalla loro disposizione, dalla tecnica utilizzata e dai colori adoperati.

Le modalità con cui esprimere le proprie sensazioni non sono ovviamente finite qua.

C’è anche, ad esempio, il linguaggio del corpo, molto utile per trasmettere a chi ci ascolta quel che proviamo.

Rimane il fatto che l’arte, con tutte le sue potenzialità e la creatività che permette di impiegare, è in grado di dar voce anche a chi non riesce sempre a sostenere discorsi e monologhi, a chi è timido e introverso o a coloro che non sanno trovare le parole giuste per farsi comprendere.

L’arte è un linguaggio universale che, fortunatamente, tutti conosciamo.